2050: come ci arriviamo?

Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per tutti

Mostra

La mostra “2050: come ci arriviamo? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per tutti” affronta le sfide e le scelte connesse alla cosiddetta transizione ecologica con un grande obiettivo: arrivare al 2050 con una mobilità ad emissioni zero.

Dalla mobilità quotidiana per il lavoro, le visite a famiglie e amici, turismo, fino all’intera catena di approvvigionamento per i negozi e per la produzione industriale, la mobilità è una dimensione che permette di dispiegarsi la nostra vita sociale ed economica. Accanto a questi benefici vi sono dei costi evidenti tra i quali l’emissione di gas serra, il rumore e l’inquinamento delle acque, ma anche incidenti, congestione di traffico, perdita di biodiversità, tutti elementi i quali hanno implicazioni sulla nostra salute e benessere

Le emissioni di gas serra riferite al settore dei trasporti sono cresciute nel tempo e rappresentano ora un quarto delle intere emissioni climalteranti in EU. Per via di questa alta proporzione, la Strategia europea si è posta l’obiettivo della loro riduzione del -55% entro il 2030 e il raggiungimento della neutralità climatica entro il 2050. Gli sforzi in questa direzione sono già evidenti e meritevoli di essere conosciuti ma l’obiettivo di neutralità climatica sarà raggiunta solo se si darà seguito senza ritardi a politiche di riduzione della dipendenza dei trasporti dai combustibili fossili.

“2050: come ci arriviamo?” sarà quindi un vero e proprio viaggio tra le nuove sfide e strategie che riguardano il tema della mobilità sostenibile prestando attenzione al contesto europeo, interregionale e più locale.

a mostra “2050: COME CI ARRIVIAMO?” sarà un vero e proprio viaggio tra le nuove sfide e strategie che riguardano il tema della mobilità sostenibile, con attenzione al contesto europeo, interregionale e più locale.

 

L'Euregio ha proclamato il 2021 quale anno tematico incentrato su "Trasporti - Transito – Mobilità". In questo contesto si colloca l’iniziativa del MUSE, che porta al centro della propria azione di riflessione e comunicazione pubblica i temi della sostenibilità e dell’attuazione dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.

La mostra si rivolge a un pubblico di giovani e adulti e offre - anche al mondo della scuola - spunti interessanti e possibilità di approfondimento.

Non mancherà il confronto con il mondo delle associazioni, impegnate da tempo con le loro visioni e sensibilità nel dibattito pubblico sui temi legati alla mobilità sostenibile. Assieme a loro, il museo - nel corso del 2022 - metterà in campo un intenso programma di riflessioni e incontri che servirà a definire le posizioni che la nostra provincia e i territori dell'Euregio hanno nei confronti della mobilità e delle sue strategie per il futuro.

Costi

Biglietto Compreso nel biglietto d'ingresso MUSE accesso con green pass rafforzato

La mostra “2050: COME CI ARRIVIAMO? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per tutti” è a cura di MUSE – Museo delle Scienze di Trento, -skopìa Anticipation Services e di Fondazione Museo Storico, con contributi originali di Enti pubblici e privati.

 

L’allestimento - opera dell’architetto Mario Cucinella - e la narrazione - a cura di Zeranta edutainment - hanno un approccio complesso dove lo snodo e l’incrocio temporale diventano il centro interpretativo del tema della mostra ma anche, in generale, della società.

 

La mostra è realizzata in collaborazione con Eni, Circular Partner del MUSE, e con Ferrovie dello Stato ItalianeRai Isoradio e Rai Pubblica utilità Media Partner della Mostra.

 

Le aziende che hanno affiancato il MUSE nell’ideazione e sviluppo della Mostra sono:

Main Sponsor - Italscania, Autostrada del Brennero SpA

Special Sponsor - Alstom, LeasePlan, Leitner, FS Sistemi Urbani

Si ringraziano ITAS Mutua,  Zobele Holding, Trillary